Incrementare la produttività con lo Smart Working

I risultati di una recente indagine condotta su un campione di 600 aziende e 1.000 professionisti (dirigenti, quadri e impiegati) dall’Osservatorio Smart Working della School of Management del Politecnico di Milano indicano che lo Smart Working sarebbe più vantaggioso di quanto si pensi.

Un incremento della produttività per 27 miliardi di euro e 10 miliardi di risparmio: questi potrebbero essere i benefici dello Smart Work per le imprese italiane.

Già nel 2012 l'Osservatorio del Politecnico di Milano fece una indagine su questo tema:  i vantaggi del lavoro “intelligente” erano stati identificati in un aumento medio della produttività per lavoratore del 25%, nella riduzione dei costi del lavoro complessivi di 1,7 miliardi di euro, nel risparmio di tempo di 47 milioni di ore all’anno e nella drastico abbassamento delle emissioni di CO2.

Gli esiti dell’ultima indagine non fanno altro che ribadire i vantaggi dello Smart Work quantificandoli in un guadagno complessivo per le imprese italiane pari a 37 miliardi di euro (l’equivalente di una Finanziaria) scomponibili in:

  • 27 miliardi derivanti da un aumento medio della produttività del 5,5%, dove un 3,5% è attribuito alla diffusione del telelavoro, uno 0,5% alla riduzione dei tempi di trasferta e il rimanente 1,5% all’incremento di produttività derivante dall’uso di dispositivi mobili per il lavoro (smartphone, tablet, laptop, etc.)
  • 10 miliardi di risparmio, di cui 1,3 derivanti da una riorganizzazione degli spazi di lavoro stimabili in 1,3 miliardi e il resto dall’adozione di procedure di flessibilità di orario e di luogo di lavoro.

 

I vantaggi dello Smart Work continuano: grazie alle tecnologie ICT per il lavoro in mobilità, i lavoratori potrebbero ridurre in maniera considerevole i loro spostamenti determinando risparmi economici per circa 4 miliardi di euro (550 euro per lavoratore all’anno) e una riduzione di emissioni di CO2 per 1,5 miliardi di euro.

Qualche consiglio per le aziende?

Secondo l’Osservatorio Smart Working sono 4 le leve su cui un’azienda deve agire per passare ad un modello organizzativo del lavoro di tipo “smart”: le policy organizzative, i comportamenti e gli stili di leadership, il layout fisico degli spazi di lavoro e le tecnologie ICT per il lavoro.

Incrementare la produttività con lo Smart Working