Flessibilità corrisponde a produttività anche in Italia

Regus ha condotto un sondaggio in tutto il mondo, è risultato che anche in Italia viene ormai riconosciuto che le aziende ottengono una produttività superiore e riducono i costi se incentivano comunicazione e flessibilità.

Il 66% degli imprenditori e manager italiani crede che il lavoro flessibile sia un elemento chiave per ottenere una maggiore produttività, soluzione che riduce i costi e salva posti di lavoro.

Lavoro flessibile, gestione  e condivisione delle conoscenze, Cloud computing, comunicazioni più efficienti, formazione e misure per migliorare il benessere psico-fisico migliorano produttività e motivazione delle persone.

Questo sondaggio, che ha raccolto le opinioni di oltre 20.000 dirigenti e imprenditori in 95 paesi, ha evidenziato i vantaggi del lavoro flessibile, gli intervistati hanno dichiarato che tale pratica promuove un senso di responsabilità maggiore, favorisce le decisioni e stimola la creatività.

Alcuni dati:

· In Italia il 66% degli intervistati (contro il 75% della media mondiale) crede che il lavoro flessibili incrementi la produttività

· Il lavoro flessibile migliora inoltre la qualità e la velocità (62%) delle decisioni

· Il 68% degli intervistati pensa che il lavoro flessibile responsabilizzi le persone

· Il lavoro flessibile stimola la creatività (65%)

· Il lavoro flessibile favorisce inoltre rapporti di lavoro proficui (61%)

(Tratto da un articolo di Data Manager Online)

Flessibilità corrisponde a produttività anche in Italia